Social Media
Monday
Jun252012

Legature

Legatura in occasione del battesimo

Quando si porta un neonato a battesimo, tra le fasce di esso si nasconde un ferro calamitato di cavallo. Chi ne ha l’interesse, stando in disparte, attende che il sacerdote battezzatore pronunzii il nome del neonato (si tratta di maschio, s’intende): ed allora pronunzia il nome della persona alla quale vuol fare la legatura. Così il ferro calamitato è battezzato.

Questo ferro però "deve mangiare" e per mangiare lo si mette in mezzo alla limatura di ferro, e si avvolge portandolo addosso. Ogni qualvolta si vuol avere o vedere la persona amata, la si chiama, ed essa comparisce. (Palermo).


Sacchetto magico

Qui va notato un sacchetto dalla forma esteriore simile a quello "di li cosi santi," nel capitolo degli Ex voto; ma ben diverso nel contenuto. In questo sacchetto è chiuso un nastro giallo, composto a foggia di cavalluccio marino, uno spago con molti nodi, per legare a chi porta il sacchetto le persone alle quali essa vuol bene; varî fili di seta a colori diversi, ai quali di tratto in tratto sono raccomandati dei polizzini di carta con nomi di persone care; e insieme con questi oggetti la seguente formula scongiuratoria:

Marcu, San Marcu,

Sangu di Cristu,

Hâ’ ’ttaccari a tutti comu un Cristu

Quannu iju a l’agunia;

Tri fila di capiddi di la Vergini Maria

Attacca a tutti

Cu’ havi a fari mali a mia.

Vampa d’amuri e ciamma d’amuri

 mè patruna e ô mè patruni,

A mia e a tutta quanta la cumpagnia.

Stilla di la vera luci:

Va nn’ ’â mè patruna e nu’ ’u mè patruni

E cci jetti tri buci:

Cu’ sa chi cci abbinni

Ca ancora nun vinni?

Rusidda ti cumanna

E tu mi l’hâ’ fari:

’U mè patruni e a’ mè patruna

Pi l’oricchia l’hâ’ pigghiari,

A li me’ peri mi l’hâ purtari.

PrintView Printer Friendly Version

EmailEmail Article to Friend