Social Media
Tuesday
Apr272010

contro i mali d’occhi

Lucia, Lucia
Spiaggia spiaggia di mari jìa;
La scuntrau Gesù e Maria,
Cci dissi: – Dunni va’, Lucia?

– E dunni hê jiri, Maria?


Sugnu spersa e nun sacciu la via.

Havi tri jorna e tri notti,
Ch’haju duluri ’nta l’occhi,
Chi nun pozzu cuitari.

– Pirchì ’un vinivi unni mia?

– E cu’ lu sapia, Maria?

– Ti nni vai ’nta lu mè ortu,
Cogghi birbena e finocchi,
Cci passi ogni tri uri,
Chi ti passa lu duluri
Senza pinni e senza lizzu,
Tagghi purpu e pannarizzu.

E poi si fa il segno della croce sulla palpebra. (Mazzara).



http://librarsi.comune.palermo.it/librarsi/cms/librarsi/polo/index.html

Tuesday
Apr272010

contro i vermi

a) Vermi di la virmaria,
Vermi chi si mancia a tia!

Vermi virdi, vermi farcuni,
Va’ circannu ficatu e prumuni.

Pi lu mè cumannamentu
Vattinni a lu funnamentu.

S. Cosimu e Damianu,
Siti medicu e siti suvranu:

Fùstivu medicu di nostru Signuri:
Allibirati stu criaturi. (Mazzara).

Versione: Verme del vermicaio – verme che possa mangiare te! – Verme verde, verme rapino (o anche: ladro) – vai in cerca di fegato e di polmone: – per comando mio – vattene al c... (va fuori!).

 

b) Contro i mascuni.

Si fa un segno di croce, e mentre col pollice della mano destra si fanno segni di croce sullo stomaco dell’ammalato si dicono le seguenti parole, apprese la notte di Natale in modo segretissimo:

Virdi mascuni pi lu mari jia:
Di virdi quasava e di virdi vistia.

Passa Gesù e la Vergini Maria:

– Chi fai, virdi mascuni?

– Vaju ’nta sta casa a maschiari.

– No, virdi mascuni: patri e matri

Nun fari chianciri.

"La firmicula è senza sangu,
Lu pisci è senza prumuni:
Vattinni a mari, virdi mascuni" (Mazzara).

Versione: Il verde mascone andava pel mare: – calzava verde e vestiva verde. – Passa Gesù e la Vergine Maria (e dice, o dicono): Che fai verde moscone? – Vado in questa casa a mascheggiare [a portare il male del mascone]. – No, verde mascone: non far piangere padre e madre [di questo povero ammalato]. – [Scongiuro:] La formica è senza sangue, – il pesce è senza polmoni: – vattene a mare, verde mascone!"

 

c) Si pone in un piatto del sale e dell’olio, e presone un po’ col pollice e con l’indice si applica sull’ombelico dell’ammalato: e tenendosi appuntato l’indice e girando a destra ed a sinistra, si viene recitando:

Pi lu nnomu di Maria
Lu vermu caschiria!

Pi li nnomu di Gesù,
Lu vermu non torna cchiù.

Si fa seguire un’avemaria o un paternostro, e tutto si replica per altre due volte.
Ove occorra, la pratica si ripete anche la sera e la mattina seguente. (Acicastello).

 

d) Se ad un bambino, prima del battesimo, si mette in mano un bruco di campo, e lo si lega con una fascetta, lasciandolo fino a che non sia morto, o che il bambino non venga portato al fonte battesimale, solo che la mamma abbia cura di ripetere lo scongiuro:

’Sennu paganu, tinni vermu a manu,
Ora lu ’mmazzu, cà sugnu cristianu;
Essendo (mentr’ero) pagano, io tenni il verme in mano, – ora che son cristiano (battezzato) lo uccido.

esso, il neonato, non solo sarà per tutta la vita libero dai vermi, ma anche avrà la facoltà di liberarne gli altri. Occorrerà però che egli faccia alla occasione una croce sul ventre e ripeta la nota orazione:

Lu Luni a ssantu cchiù,
Lu Marti a ssantu cchiù,
Lu Mercuri a ssantu cchiù,
Lu Jovi a ssantu cchiù,
Lu Venniri a ssantu cchiù,
Lu Sabatu a ssantu cchiù,
Lu jornu di Pasca
Lu vermi ti casca. Acicatena.

 

e) Mi ’ncontra Gesù cu la Vergini Maria:

– Chi hai, Rusulia,

Ca chiami pri la via?

– Mi scattiò ’a virmicciaria.

– Pirchì n’ê pricantavi?

– Matri mia, non appi a cui:

Supra a mia ci pinsati vui.

– "Lunidi santu è; e Martidì santu è, Merculidì santu è, Giovidì santu è, Venniri santu è, e Sabatu santu è, Duminica c’ ’à matina di Pasqua, ’U vermu mori e ’n terra casca.

Santu Pantu, - medicu spantu,
San Sirvestru, - medicu destru,
Scìppici ’i vermi a sta criatura:
’I pigghi cu ’a mani destra
E ’i ietti cu ’a mani riversa.

Versione: M’incontra Gesù con la Vergine Maria, (e mi dice): Che hai Rosalia – che chiami per la via? – Mi colpì [mi ha colpito: mi scatti˜] un vermicaio. – Perchè non li scongiurasti tu [i vermi]? – Madre mia, – non ebbi chi me [li scongiurasse: perch] – a me ci pensate voi [di me non prende cura altri che voi] – [Scongiuro] "Lunedì santo è ecc. Domenica ecc. il verme muore, e cade per terra. – S. Panto (?), – medico che si prende di paura: – S. Silvestro – medico destro, – strappa i vermi a questa creatura, – prendili con la mano destra – e li getti via con la sinistra".

E si fa un segno di croce col pollice della destra sull’ombelico del paziente. (Castiglione).


http://librarsi.comune.palermo.it/librarsi/cms/librarsi/polo/index.html

Tuesday
Apr272010

contro il mal di milza

Contro il tumore di milza per febbri miasmatiche ostinate:

a) Per tre mattine di seguito, in sul far dell’alba, si pricanta in questa maniera:

Un uomo sano o una donna sana che voglia guarire un altro, si volge verso l’oriente, e con un’accetta in mano sulla parte ammalata viene segnando tante croci quanti sono i seguenti versi; tenendo presente che all’ultimo verso debba lasciarsi cader di mano l’accetta. Il pricantu è questo:

Ti salutu, bon’alba e bonu Ddiu

Tagghiatimi la mèusa supra lu corpu miu:

Lassatiminni un pizzuddu

Quantu mangiu e bivu.

Versione: Ti saluto buona alba e buon Dio. – Tagliate sul mio corpo la milza, – lasciatemene [però] un pezzettino, – tanto che io possa mangiare e bere che io possa continuare a vivere].

Per ciascuna delle tre mattine lo scongiuro si ripete tre volte. (Casalvecchio).

 

b) Squagghia, squagghia, mèusa mia,

Comu nesci lu suli d’Elia,

Sarbiminni quantu serbi a mia.

Versione: Squaglia, squaglia, milza mia, – come esce il sole d’Elia, – serbane per me quanto ne ho di bisogno io.

Mentre si recita questo scongiuro si fa strofinando sul fianco sinistro una miscela di olio di mattone, olio di cotone, succo di articolazioni di fichi d’India e farina di segala. (Acireale).

 

c) Si ha una variante dello scongiuro, ed è la seguente, nella quale la milza si vuol portarla via intera:

Sona Santu, o campana pia.

Tagghia la mèusa sinu a la cima.

E tantu la pozza tagghiari,

Chi nun putissi nè crisciri nè ammancari (Mazzara).

Versione: Suona Santo, o campana pia, – taglia la milza [mia] fino all’alto, – e tanto tu possa tagliarla – che essa non cresca ne diminuisca più!

Si mette in un piattello dell’olio e del sale, vi si bagnano le dita della mano diritta e si poggia questa sul fianco ov’è il gonfiore, mettendovi sopra l’altra mano. In questa posizione si fanno quattro strofinazioni rette, una ad ogni verso, ed in modo da formare due croci, recitando la preghiera:

Quannu sona la prima campana

Avissi a passari sta mèusa ’n chinu;

Ni resta quantu ’na pinna di gaddina

Pri fari culazioni la matina.

Tutta l’operazione bisogna replicarla tre volte e per tre giorni di seguito. Se fatta di mercoledì o di sabato basta un solo giorno.

Nel frattempo all’ammalato che sta supino si fa recitare un’ave e un pater alla Madonna, e poi gli si raccomanda di fare per 8 giorni strofinazioni di olio e sale, di non mangiare pane asciutto, e di tenersi a cibi leggieri.

Perché la preghiera riesca deve essere appresa la notte di Natale. (Acitrezza).


http://librarsi.comune.palermo.it/librarsi/cms/librarsi/polo/index.html

Tuesday
Apr272010

contro il meteorismo, ossia matruni

Nella tradizione popolare la voce matruni è molto indefinita, e rappresenta una sofferenza di stomaco ambasciosa, non facile a comprendersi. In fondo in fondo è uno sviluppo di gas nel ventricolo in soggetti e in accessi isterici, che però qualche volta si giudica conseguenza di un verme molestissimo detto mascuni, costituente la verminazione.

Il nome di matruni, che è pure matrazza, viene da matri, utero.

La persona sofferente, che per lo più è una donna, si pone supina; la donna che deve pricontare (scongiurare) il male posa verticalmente il mignolo sull’ombelico della paziente e girandolo viene recitando:

Passai a ’na casa di bona donna,

Mi detti còzzula senza cirnuta,

Gaddina senza spinnata,

Pisci cu la resca,

Acqua ’n terra e tinu a moddu

Fuj, dogghia, chi non ti vocchiu!

Questa priconta fu lasciata detta dal Signore.

Se il matruni è doglia, il dito si scuote e duole; in caso diverso, nè si scuote, nè duole. (Casalvecchio).



http://librarsi.comune.palermo.it/pitre/file/011/130/130MENU/131_158/144b.html#matruni

Tuesday
Apr272010

contro la colica intestinale

Lu Signuruzzu di l’Innii vinia;

Ha passatu di nni l’omu bonu

Ha truvatu la donna ria,

Reschi di pisci cci desi a mangiari,

E vinu-feli cci desi a bivìri;

Cci cunzò un lettu di pagghia di ’mmogghiu,

E fuj, dogghia, ca non ti vogghiu!

Versione: Il Signoruzzo veniva dalle Indie; – passò dalla casa dell’uomo dabbene: – dove trovò una triste donna. – Costei gli diede da mangiare lische di pesci; gli diè da bere vino (amaro come) fiele; gli preparò un letto di paglia da involto (cattiva, a nodi ecc.) – (Ed ora) fuggi, doglia, che io non ti voglio (più vedere qui)!

L’orazione si recita tre volte applicando il dito sull’ombelico del paziente e girandolo.

La medesima orazione si usa pel medesimo male delle bestie, ed il dito si applica per qualunque parte nel loro corpo. (Acicastello).


http://librarsi.comune.palermo.it/librarsi/cms/librarsi/polo/index.html

Tuesday
Apr272010

contro la febbre del pelo (pilu di minna).

a) San Giusippuzzu do ’n balcuni stava:

Passanu tri zitidduzzi ca jèvunu all’acqua.

– Ch’aviti ca riditi e strarriditi?

– Jabbu di la me varba vi faciti?

Un pilu d’ ’a mè schirma,

Si ni va d’’a vostra minna?

Non putiri ripusari,

Mancu ’i figghi saziari!

– Matri! non ridemu e mancu strarridemu,

Jabbu di la vostra varba non facemu,

– Annunca, putiri ripusari

E ’i figghi saziari.

Quindi, con un pettine, si finge di pettinare la mammella. <i>(Castiglione)</i>.




b) Si pronunziano sommessamente le parole che seguono:

Lu vecchiu Citranu pi lu munnu jia;

Tri parma era longu, e tri parma di varva avia,

Passanu du’ cummari,

Chi jianu a lavari,

Si nni rideru e si nni dirrideru,

E gabbu si nni faceru.

Iddru cci dici: – Vi nni riditi, e vi nni dirridi!

E gabbu vi faciti?

(Pi) un pilu di la varva mia,

Puzziri mòriri vui e la criatura!

– Niatri ’un ni nni ridemu,

E mancu ni nni dirridemu,

E mancu gabbu ni nni facemu.

– Giacchì ’un vi nni riditi,

E ’un vi nni dirriditi,

E mancu gabbu vi nni faciti,

Un pilu di la varva mia

Pozza cunfurtari vui e la criatura. (Mazzara).

Il potere salutare qui è attribuito ad un vecchio, che è straordinario e basso di statura, una specie di nano barbuto; e si sa, che i nani sono uomini, che nell’infanzia furono cangiati da fate. Chi sia questo vecchio "Citranu" non so, nè credo che possa essere un’alterazione della parola "Gitano", quantunque gli zingari si prendano per i stregoni.


http://librarsi.comune.palermo.it/librarsi/cms/librarsi/polo/index.html

Tuesday
Apr272010

contro la malaria

La febbre malarica con tutto il suo treno di sintomi e di conseguenze è creduta da alcuni prodotta da stregheria.

Una comare che crede possederne la facoltà si accosta al malato, scioglie del sale in acqua, spruzza di questa la casa, segna delle croci, tagliuzza sul petto di lui una crocetta di foglie di palma, recita un credo; fa cadere sui suoi piedi un po’ delle foglie tagliuzzate e dice:

Vi salutu pani e tassu,

Lu càudu e lu friddu ccà lu lassa;

Alleggiu la testa; m’aggrava a li pedi,

Torna e riveni la saluti arreri.

Versione: Vi saluto pane e tasso! – Lascio quì il caldo e il freddo: – alleggerisco il capo, m’aggravo sui piedi, – e così torna di nuovo [arreri] la salute.

Segue un’avemaria recitata a metà da lei, a metà da altre donne.

In mezzo della stanza brucia delle erbe secche, e vi sparge sopra dell’incenso: e quando il fumo si è levato denso, si scopre le mammelle, si prostra bocconi per terra, e, seguìta dalle altre, recita questo scongiuro in più parte inintelligibile:

Ti toccu e nun ti toccu!

Ti viju e nun ti viju!

Furcu, befurcu, lurcu, cataturcu!

Ti curcu, ti sturcu, ti ’nfurcu

Cu acqua e sali

E ’ncenzu chi la virtù havi.

Pri li chiaghi di Gesù, non cci accusentu!

E ’ncenzu e sali e acqua ogni mumentu

Dintra la fossa

Li luti e li scruzzati vilinenti:

Sutta li denti

Ti strudinu l’ossa!

Versione: Ti tocco e non ti tocco! – ti vedo e non ti vedo! – Furcu, roba da capestro (bifurcu), lurcu, arciempio (cataturcu) – ti corico, ti storco (?), t’afforco – con acqua e sale ed incenso che ha la virtù [di farti gran male). – Per le piaghe di Gesù, io (protesto che) non approvo! – E incenso e sale ed acqua ad ogni momento! – Dentro la fossa – (sono) i vermi ed i tristi insetti velenosi – sotto i denti, – ti corrodono le ossa!


http://librarsi.comune.palermo.it/librarsi/cms/librarsi/polo/index.html

Tuesday
Apr272010

contro la palpitazione di cuore

Fermati cori, — ca Diu ti voli!

Fermati arma, — ca Gesù Cristu ti cumanna!

E’ firmata st’arma cu stu cori.

Cincu angili su’ partuti pi sanari stu malatu.

Santa Marta, Santa Maddalena e San Damianu,

Ca è medicu supranu

Prima ci passa la sò e po’ la mà manu.

Si recita tre volte e per tre giorni di seguito, girando la mano attorno al cuore. (Acicastello).


Tuesday
Apr272010

contro le scottature

Tutti li cani di la canarìa

Arderu ’u focu duminicarìa;

Lu Signuri passau,

Lu focu astutau.

Diu ti salvi, o Maria, vergini e pura!

La carni cotta hâ ddivintari crura!

Versione: Tutti i cani della canarìa – accesero domenica il fuoco. – Passò il Signore, – spense il fuoco. – Dio ti salvi, o Maria, vergine e pura! – Possa la carne cotta diventare cruda!

Si recita tre volte il giorno e per tre giorni di seguito, sputando ogni volta sulla parte scottata. (Acicastello)


http://librarsi.comune.palermo.it/librarsi/cms/librarsi/polo/index.html

Tuesday
Jun222010

Correspondents 

"There are more things, Lucilius, that frighten us than injure us, and we suffer more in imagination than in reality."

-Seneca, Epistulae ad Lucilium




Conjuration/Spell Craft

In sympathetic magic, the most important thing is working when the moon is right for your specific intention. To attract a certain condition into your life, (i.e.: love), work when the moon is waxing. To rid yourself of a certain condition such as an illness, or hex-breaking, work when the moon is waning. To have your wishes granted, or to give thanks when the moon is full.

Click to read more ...

Sunday
May232010

Cos'è il malocchio?

Cos'è il malocchio?
Una spiegazione... tutta in guardiese

 

Sunday
Jun242012

Countering Malocchio

Anti-Malocchio Formula

From Nick - 30 Aug 1996:

Malocchje ngenzate

Tre Sande m'aiutate

Che poss' i nt' a l'occhje

A cchi 'e fatte u malocchje a (Afflicted's Name)

P.S. You must use this power only for good...never for evil!


Wards in Ancient Italy

From Jo Tedesco - 9 & 17 May 1996 (Reggio Calabria):

"In the Fountana Buona in Genova Province every home has at least one carved stone head on the outside to ward off malocchio."

In Pompei at the villa of the mysteries or at the house of the merchants - there was an interesting sculpture linked to the warding off of the evil eye. The guide would always put on a performance making sure that 'signorini' did not look when he opened the box which had been erected around the sculpture!

 

From Josephine Tedesco - 17 Jun 1996:

"Does anyone know what the Italian horn means? My graandfather wore one around his neck, so did my father, and so do I. No one can tell me anything about it. Is this what is refered to when someone invokes the 'Bull of holy places?' "

It is a very old symbol! Basically it "wards off the evil eye" - which you can get (i.e. the evil eye) under lots of different circumstances - for example being too good looking (one is tempted to say so much at this stage.....) too strong etc. I have always thought of it as 'tempting the gods'. And the horn gives a bit of insurance! Evil eye - is the direct translation of "malocchio.

RE the "bull of holy places" not sure - but there does seem to be a connection with the horn and the penis - this was brought home to me when at Pompei - the rich merchant's house??? had a penis on the doorway and it too was to to ward off the evil eye!


Gobbo

From Pete Belmonte - 7 May 1996:

Another important charm in southern Italy is the hunchback, or Gobbo. I purchased a keychain of a Gobbo holding a corno (large red horn) from an Italian store in Kenosha, Wisconsin. I certainly don't believe in the stuff, but I thought it was an interesting cultural history piece. I'm not sure what exactly the gobbo is supposed to mean, though. I've read about this before, but I can't remember the reference.

By the way, it was practices such as the evil eye, and to some extent the feste, which upset the Catholic hierarchy, mostly Irish, in early 20th century US. The "Italian problem" was truly a problem for the church, and the whole question of early "national parishes" stems from this problem. Silvio Tomasi's book Piety and Power is a good reference for early Italian-American church history.

 

From Bob Collins - 8 May 1996:

The following is escerpted from Clarence Maloney's book "The Evil Eye": (Pp. 37-8) "...the gobbo, or hunchback. A male hunchback was, in Italy, supposed to be very fortunate, in contrast to the female hunchback, who endured much misfortune....the manufacture and sale of hunchback figurees for good luck charms in gold, silver, ivory and other precious materials has been a continuous tradition in Italy...for some time. Italian gamblers are quite fond of the gobbo, for they feel that the hand that has stroked a hunchback's hump will be favored at the gaming tables....

In some areas of Italy the hunchback's hump is thought to be the resultof an evil eye attack in youth. The protruding hump, however, more often appears as a protection against the evil eye....Thye gobbo therefore appears occasionally among evil eye talismans...in certain regions....The gobbo draws good fortune and the chili [and corno] repels bad fortune."


Catholicism and Superstition

From John Cusimano - 13 May 1996:

"These rituals were all combinations of ancient pagan rituals and Catholic rituals. As the title suggests, the influence of Christ (the Church) stopped at the town of Eboli and seemed to go no farther. It seems that the Sicilians were more interested in rituals and recitations than theology."

I think there is "some" truth to this statement but, I don't think "interested" is the correct operative word. Many rural folk in the south were uneducated and may not have understood theology as much as they understood rituals and recitations. Remember, the christian faith started as an extremely intellectual and urban movement and itself adopted more ritual and recitations when it came up against deeply rooted pagan beliefs in the rural areas.

Northern Italy became better educated because they developed a middle class of merchants and traders who could afford to educate their children. Southern Italy and Sicily had much smaller middle class and, retained the older rural ways longer.

The Christian faith probably never would have grown or survied if it had not taken on "pagan-like" wrapping paper to present it's gift to the masses of peoples. And that is the main point... it is still the christian faith but in a form and "wrapper" which people felt comfortable with and were willing to accept if, they could not understand the deeper theology in it. The other choice was a totally impractical one... Educate the masses so they could all understand the deeper theology:)

Monday
Apr262010

Cucina Casalinga Abruzzese (Abruzzese Home Cooking)

This following recipes for Canneloni, Italian Wedding Soup, Osso Buco, Chicken with Tomato and, White Clam Sauce are remarkably identical to mine, that is my Abruzzese family recipes, but since I didn't have to type them up, I am more than happy to credit the author: http://www.dellarocchetta.com. ~Rue :)

Click to read more ...